Home > ARTE > Luis Sepúlveda, l’autore che ha fatto sognare il mondo

Luis Sepúlveda, l’autore che ha fatto sognare il mondo

Il celebre scrittore cileno è scomparso a 70 anni a causa del Coronavirus. Con romanzi come “Il mondo alla fine del mondo” e favole come “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” ha fatto sognare i lettori: “Vola solo chi osa farlo”

Luis Sepúlveda, lo scrittore cileno che amava la poesia, si è spento oggi 16 aprile 2020, a 70 anni dopo essersi ammalato di Coronavirus. Autore di best seller come “Patagonia Express” e “Il mondo alla fine del mondo”, e celebre per le sue favole come “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, con le sue frasi ha fatto sognare i lettori.  La letteratura, per lo scrittore cileno, era necessaria per “dar voce a chi non ha voce”

Luis Sepulveda, tra le più importanti voci del panorama letterario contemporaneo ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti i lettori e gli amanti della letteratura. Per ricordarlo, una rassegna delle citazioni più belle tratte dalle sue opere, frasi sull’amicizia, sul viaggio, sull’umanità  e dei libri più importanti scritti nella sua lunga carriera.

Tra questi impossibile non menzionare “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, vero e proprio capolavoro adatto a lettori di tutte le età e portatore di un messaggio universale.

“Vola solo chi osa farlo”

Un inno a sconfiggere le proprie paure è contenuto nella favola forse più famosa di Luis Sepulveda, “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”. “Vola solo chi osa farlo” è la risposta del gatto Zorba dopo che la gabbianella, per la prima volta, è riuscita a volare. Ma nel libro è contenuta anche una riflessione sulla diversità: “È molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile”.

Da ricordare anche il suo primo romanzo “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, diventato celebre anche grazie alla trasposizione sul grande schermo i cui la frase:

“Sapeva leggere. Possedeva l’antidoto contro il terribile veleno della vecchiaia”

In “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore” si racconta la storia di un anziano che vive ai margini di una foresta e porta con sé i ricordi della sua vita e della sapienza acquisita. Nel romanzo c’è una dedica all’importanza della lettura che potrebbe riassumere quanto la letteratura sia ritenuta fondamentale per la vita e la carriera dello scrittore cileno e per gli uomini in generale.

 

Ed ancora “Il potere dei sogni”, con la celebre frase

“Solo sognando riusciremo a essere migliori”

Nel libro lo scrittore cileno pone attenzione alla politica internazionale e dà prova del suo impegno sociale. Sepulveda si considerava “cittadino prima che scrittore” e nel romanzo, la necessità di raccontare sembra trovare ragione nella capacità di sognare. “Solo sognando e restando fedeli ai nostri sogni – scrive – riusciremo a essere migliori e, se noi saremo migliori, sarà migliore il mondo”.

Viaggiare è un modo di vivere con intensità”

Un uomo che nel corso della vita si è spostato in continuazione, anche a causa dell’esilio a cui venne condannato negli anni Settanta, non poteva non dedicare parte della sua letteratura al tema del viaggio e al concetto di nostalgia. “Viaggiare è un modo di vivere con intensità, una medicina per lo spirito, una ricerca di comprensione e complicità” è l’idea di Sepulveda alla quale si affianca la mancanza dei territori cari. Da qui la riflessione in un’intervista sul non sapere cosa sia la nostalgia “però a volte la sento, e mi piace provarla, per ciò che è stato e per i propositi che hanno avuto la possibilità di diventare realtà”.

Con quel talento da affabulatore che lo rendeva prima ancora che un abile scrittore, un inguaribile cantastorie, scriveva favole Sepúlveda  al cui centro c’era l’eterna lotta tra il bene e il male.  La letteratura era finzione e intrecciando i fili della narrativa  dava vita a personaggi picareschi e trame avventurose fatte di passioni e ideali. I suoi ovviamente, quelli per cui aveva lottato, viaggiato e infine scritto.

Dopo alcune delle frasi più celebri dell’autore, ecco una selezione delle sue opere più importanti da leggere, rileggere, recuperare e amare incondizionatamente.

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Il vecchio che leggeva romanzi d’amore

Diario di un killer sentimentale

Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico

Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza

Storia di un cane che insegnò a un bambino la fedeltà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi