Home > ARTE > Arteologia.L’Arte Etica in dialogo fra passato e futuro – Venezia

Arteologia.L’Arte Etica in dialogo fra passato e futuro – Venezia

Dal 24 Maggio 2018 al 12 Settembre 2018
VENEZIA
LUOGO: Museo Archeologico di Venezia
CURATORI: Sandro Orlandi Stagl
COSTO DEL BIGLIETTO: L’accesso avviene dal Museo Correr, con biglietto cumulativo dei Musei di Piazza San Marco di € 20, ridotto € 13

COMUNICATO STAMPA:
Il progetto Arteologia ideato da ARTantide.com Gallery si realizza come una serie di installazioni site specific per il Museo Archeologico di Venezia.

Il 24 maggio prenderà il via un’esposizione che permetterà al pubblico di vedere lavori ad alto valore etico e sociale di grandi artisti contemporanei situati in unasede meravigliosa nel cuore dell’Area Marciana. Un amplificatore che consentirà un riverbero globale al Manifesto dell’Arte Etica, l’Arte Può, cui aderiscono gli artisti e gli stessi organizzatori.

L’idea del Curatore Sandro Orlandi Stagl è interpretare lo spazio del Museo Archeologico nel rispetto dei reperti della collezione permanente e in dialogo conessi, promuovendo opere d’arte a forte Responsabilità Sociale. In questo quadro ilMuseo Archeologico Nazionale di Venezia, afferente al Polo Museale del Veneto, ha dato tutta la sua disponibilità alla realizzazione di questa manifestazione, che unisce la consapevolezza dell’etica a quella cultura classica che è stata la base di quest’etica stessa.

Nello specifico, il tema sfidante per ciascun artista partecipante alla mostraArteologia, è stato quello di creare opere d’arte che possano diventare significativi suggerimenti per gli archeologi del futuro.

Ospite d’onore Michelangelo Pistoletto, artista di fama mondiale riconosciuto per la qualità della sua opera e per il suo impegno sociale; 13 gli artisti del Movimento Arte Etica: Marco Bertin, Carlo Bonfà, Julia Bornefeld, Luigi Dellatorre, Gianfranco Gentile, Marco Gradi, Franco Mazzucchelli, Matteo Mezzadri, Marica Moro, Jorge R. Pombo, Sarah Revoltella, Alberto Salvetti, Alessandro Zannier. Special Guest Patrizia Dalla Valle.

L’Etica è un sentire comune sempre più diffuso che chiede un rimodellamentodell’agire nei diversi ambiti sociali e politici, ponendo attenzione alla dignità,l’uguaglianza e la solidarietà e a logiche non meramente impostate sugli interessi economici. Se, dunque, il progresso è coincidente con l’accelerazione della sua diffusione, al contempo si propaga la richiesta di sostenibilità e, a tal proposito, anche l’Arte può e deve svolgere una funzione insostituibile, grazie al suo forte potere di aggregazione e di comunicazione.

Gli artisti partecipanti, in coerenza con il proprio ruolo e sensibilità, presenteranno il personale Manifesto Etico dedicato ad un tema pensato per conseguire una possibile trasformazione sociale e rappresentato dall’opera o dall’installazione creata nel modo più aperto possibile al dialogo e al confronto con i vari settori attivinella società, oltreché con il mondo dell’arte.
La Responsabilità Sociale è considerare con attenzione il valore delle azioni compiute, nel lavoro e nel quotidiano, un processo di crescita individuale ecollettivo che ha un momento importante “nel fare arte”. L’Arte, coinvolgendo i sensi, l’immaginazione e la ragione, esercita il suo forte potere comunicativo ecoinvolgente ed è in grado di veicolare con efficacia nuove idee e nuove visioni.Gli artisti sono possibili modelli di riferimento che suscitano l’interesse del pubblicoverso temi cruciali della nostra vita quotidiana e suggeriscono, con i loro lavori, originali vie di cambiamento.

Questa “funzione rivoluzionaria” è da sempre compito militante e non velleitario delle avanguardie artistiche ed è così che desiderano porsi gli autori internazionali che partecipano ad Arteologia.
“Questa mostra”- come sostiene Paolo Mozzo, Project manager – ha il compito dicredere e condividere l’idea che si possa cambiare il mondo e migliorare il pianeta con l’Arte e la Cultura”.

Nel corso dell’inaugurazione l’artista Alessandro Zannier terrà una performancesonora, tratta dal progetto “micrΩmega”, con Loris Sovernigo al piano/synth e ElenaBerti al violoncello. L’esibizione prevede dei visuals tra fisica, biologia, geologia eastrofisica, proiettati su una grande sfera, divenuta ormai simbolo delle performances di Ottodix, pseudonimo di Zannier nel settore musicale, considerato uno dei progetti di culto della scena electro wave italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi