Home > ARTE > Il Coronavirus non ferma il Concerto del Primo Maggio: esibizioni in live da diverse città italiane

Il Coronavirus non ferma il Concerto del Primo Maggio: esibizioni in live da diverse città italiane

Il primo maggio 2020 si chiude con il primo vero grande evento live a distanza, per il tradizionale Concertone del Primo Maggio, niente palco in Piazza San Giovanni di Roma, ma palchi diversi disseminati tra Roma, Milano (le location scelte il Museo del 900 e le Terrazze Martini), Bologna, Napoli, Bassano Del Grappa e Firenze.

La kermesse “Musica per l’Italia – Lavoro in sicurezza: per costruire il futuro”, in onda in diretta su Rai Tre e RAI Radio 2   dalle 20  fino a mezzanotte, è stato condotto per il terzo anno consecutivo da Ambra Angiolini, dall’Auditorium Parco della Musica.

La trentesima edizione del più grande evento gratuito di musica dal vivo in Europa, organizzato da CGIL, CISL e UIL  è senza dubbio una edizione storica ed unica.

L’evento nel rispetto delle norme imposte dall’emergenza sanitaria Covid 19, è riuscito a mantenere il  binomio Tv / Piazza che è in assoluto l’aspetto più affascinante dell’ evento che, forte di ben tre decenni di storia a tratti leggendaria, abbraccia ancora oggi un target di pubblico incredibilmente vasto e variegato.

La trasversalità artistica si traduce in una varietà di pubblico che non ha eguali negli eventi musicali italiani, diventando la caratteristica peculiare di un format che è riuscito anche quest’anno, in una situazione senza precedenti, a coinvolgere tanto l’adolescente, quanto lo spettatore più adulto tutti comodamente seduti davanti alla televisione di casa.

“Nel progettare le performance musicali, abbiamo deciso di puntare su esibizioni live che privilegiassero la qualità visiva e sonora della musica, – ha spiegato il direttore artistico della kermesse Massimo Bonelli – provando a superare il linguaggio dei tanti live streaming casalinghi che ci hanno tenuto compagnia in queste settimane, che molto spesso non possedevano – per ovvie e legittime ragioni – la qualità tecnica ed esecutiva di veri e propri concerti.

Quattro ore di testimonianze, racconti e musica live per rendere omaggio a tutte le lavoratrici e i lavoratori, a tutti gli italiani, che più che mai quest’anno hanno dimostrato con grande senso di responsabilità nell’affrontare questo periodo difficile di distanziamento sociale.

Dall’audio, alla scenografia, alle luci, ogni performance live del Primo Maggio 2020 è stata curata nei dettagli, ma sempre realizzata rispettando le vigenti norme per la sicurezza di ognuno degli attori che ha dato il suo contributo per realizzare questo grande evento nazionale.

Alla serata hanno preso parte alcuni dei volti più noti del panorama musicale italiano, e non solo. Gianna Nannini, con la sua esibizione dalle Terrazze Martini di Milano, Vasco Rossi con la lettura di un messaggio importante da casa sua a Zocca (Modena), sempre da casa il contributo musicale di  Zucchero.

Sul palco  anche: Aiello, Alex Britti, Bugo e Nicola Savino, Cristiano Godano Dei Marlene Kuntz, Dardust, Edoardo e Eugenio Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fasma, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Fulminacci, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Leo Gassmann, Lo Stato Sociale, Margherita Vicario, Niccolò Fabi, Noemi, Orchestra Accademia Di Santa Cecilia, Paola Turci, Rocco Papaleo e Tosca. Ospiti internazionali Sting dal suo studio a Londra e Patti Smith.

Si sono uniti all’evento anche i quattro vincitori di “Primo Maggio Next”, il contest organizzato da iCompany e dedicato ai nuovi artisti: la cantautrice Ellynora di Roma con il suo brano “Zingara”, la cantautrice Lamine di Roma con “Non è tardi“, il cantautore Matteo Alieno di Roma con “Non mi ricordo” e il cantautore Nervi di Firenze con “Sapessi che cos’ho”.

Una maratona musicale, un programma televisivo e un evento di piazza allo stesso tempo, con la pretesa di accontentare tutti pur mantenendo alta la qualità e con uno sfondo di contenuti sociali sempre presente e vivido.

Queste rappresentano da sempre le caratteristiche vincenti del Concerto del Primo Maggio di Roma che seppur con la speranza di tornare il prossimo anno a Piazza Dan Giovanni, è riuscito a mantenere anche in questa edizione straordinaria.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi